giovedì 30 gennaio 2014

Christian Bale Day - The Fighter

Oggi è il compleanno di uno dei miei attori preferiti, che entrerà ufficialmente nel decennio dei quaranta. Un'attore che ha preso parte alla mia adorata trilogia di "Batman" firmata da Christopher Nolan, ha partecipato nell'enorme "The Prestige" sempre di Nolan, all'adorato "American Psycho", al recente "American Hustle" e a tanti altri che se stessi ad elencare il post verrebbe lunghissimo. E non li elenco anche perchè non li ho visti tutti. Un attore particolarmente famoso per le trasformazioni fisiche a cui si sottopone per interpretare ogni ruolo, anche se alla fine non sono le trasformazioni fisiche a renderlo quello che è. Fondamentalmente è bravo, ma bravo veramente, in quello che fa. E questa è la cosa più importante. Ah non l'ho ancora nominato! CHRISTIAN BALE, che si è deciso di celebrare con la solita congrega di blogger le cui recensioni troverete in fondo al post.



USA 2010
Titolo Originale: The Fighter
Regia David O. Russell
Sceneggiatura: Scott Silver, Paul Tamasy ed Eric Johnson
Cast: Mark Wahlberg, Christian Bale, Amy Adams, Melissa Leo, Mickey O'Keefe, Jack McGee, Melissa McMeekin, Bianca Hunter, Erica McDermott, Jill Quigg, Dendrie Taylor, Kate B. O'Brien, Jenna Lamia, Frank Renzulli, Alison Folland, Sean Patrick Doherty, Ross Bickell, Paul Campbell, Steven Barkhimer, Brian A. Nguyen, Caitlin Dwyer, Chanty Sok, Ted Arcidi, Sugar Ray Leonard, Anthony Molinari
Durata: 115 minuti
Genere: Sportivo, Drammatico

La trama in breve: Dicky e Micky sono due fraqtellastri, entrambi pugili. Il primo, ormai ritiratosi, ha visto la sua carriera sfumargli davanti agli occhi dopo aver perso ai punti un incontro con Sugar Ray Leonard ed è diventato un tossicodipendente. Il secondo, sotto la guida dello stesso fratello, sta tentando una scalata al successo nel pugilato, per vincere il titolo dei pesi welter.

Solitamente i film sullo sport hanno tutti una caratteristica che li accomuna e che da una parte li pone di fronte al rischio di essere melensi e buonisti, mentre dall'altra ti fanno vedere tutto ciò che di bello c'è nel mondo dello sport: sono intrisi di buoni sentimenti.E io non sono un grandissimo fan dei buoni sentimenti, ma sono un grande fan dei film sportivi, se fatti nel modo che piace a me.

Nonostante il film si concentri prevalentemente sul pugilato, alla fine non è l'unica cosa importante dell'intera pellicola, ma anzi, è presente tutta una serie di argomenti molto interessanti su cui ci si potrebbe fermare tranquillamente a riflettere. Sì perchè da una parte vediamo il personaggio di Micky Ward, colui che dovrebbe rappresentare lo sportivo corretto, che ha un sogno ed è disposto a lavorare duramente per ottenere ciò che vuole (con anche una buonissima dose di fortuna che non guasta quasi mai). Dall'altra c'è Dicky Edlund che, ad un passo dall'obiettivo, si scioglie e butta via tutta la sua carriera, proiettando sul fratellastro tutte le aspettative che poneva su di sè.

Due personaggi caratterizzati davvero molto bene, accompagnati nel corso della storia dalla famiglia e dalle persone della cittadina in cui abitano, un semi-sconosciuto borgo del Massacchussets. La famiglia di Ward è la componente più importante del film: prima invadente e rischiosa per la sua carriera, poi, una volta che il protagonista decide di staccare la sua carriera da pugile da quelle che sono le loro esigenze, diventa fonte di buoni consigli, legata a lui tramite un filo indivisibile.

Ed anche le prove recitative non sono affatto male. Anzi, forse mi sto abbastanza trattenendo. Forse forse quella un po' più debole è quella di Mark Wahlberg, che di suo non è un attore che apprezzo particolarmente. Tra l'altro sarà un caso che sono stati nominati all'Oscar ben tre attori non protagonisti e non il protagonista? Beh di sicuro no. Purtroppo non ho una grande conoscenza della concorrenza in quell'annata, ma la vittoria sia di Melissa Leo, sia, soprattutto, di Christian Bale mi sono sembrate abbastanza giuste. Soprattutto il secondo offre, ormai come al solito, una prova davvero fenomenale!

Voto: 8

Partecipano alle celebrazioni anche i seguenti blog: 

6 commenti:

  1. Un film che mi è piaciuto molto. Condivido il tuo giudizio su Mark Wahlberg.
    Buon CB Day!

    RispondiElimina
  2. filmone incredibile con un cast spettacolare! Buon CB Day!

    RispondiElimina
  3. Un altro film con Bale che mi è piaciuto moltissimo!! Un filmone per un "attorone"!

    RispondiElimina
  4. bel film, bale enorme, anche se nel complesso non mi ha entusiasmato del tutto...
    sarà per colpa di mark wahlberg... :)

    RispondiElimina
  5. Visto il tema sportivo l'ho finora evitato, e il fatto che sia di O. Russell non aiuta... prima o poi però so che mi toccherà cedere e vederlo!

    Buon CBD!

    RispondiElimina
  6. Ma nuuu povero Marky (Mark), è stato l'unico ad avere la nomination per The Departed! E' che fa un film d'autore su 100 cazzoni, ha bisogno della cura del pollo di Friedkin, con McConaughey ha fatto miracoli! E Bale qua si devasta ancora il fisico, e già meritava l'Oscar per L'uomo senza sonno, sempre un grande!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...